Manutenzione Impianti Sprinkler

La cadenza e il tipo di controllo di un impianto sprinkler sono stabiliti dalla UNI EN 12845.
Se è presente un sistema automatico di rilevamento incendi, la sua verifica deve essere effettuata conformemente alla norma UNI11224:2011.
I controlli periodici avverranno:
– ogni settimana, da parte dell’utente;
– ogni mese, da parte dell’utente;
– ogni 3 mesi, da parte dell’installatore, o di un’azienda qualificata;
– ogni 6 mesi, da parte dell’installatore, o di un’azienda qualificata;
– ogni anno, da parte dell’installatore, o di un’azienda qualificata;
– ogni 3 anni, da parte dell’installatore, o di un’azienda qualificata;
– ogni 10 anni, da parte dell’installatore, o di un’azienda qualificata.

DOCUMENTAZIONE ESIGIBILE DALL’UTENTE
Con cadenza settimanale e mensile, l’utente si occuperà di ispezionare e controllare il proprio sprinkler, ovviamente dopo che l’installatore gli avrà fornito la documentazione relativa.
Tale documentazione comprende:
1) una certificazione di ultimazione che dichiari che l’impianto è conforme a tutti i requisiti, oppure fornisca le informazioni di ogni scostamento da questi;
2) la raccolta completa delle istruzioni di funzionamento e i disegni come effettivamente costruito, compresa l’identificazione di tutte le valvole e strumenti utilizzati per la prova e il funzionamento e un programma di ispezione e controllo per l’utilizzatore.
Sui documenti e disegni devono essere riportati: – nome dell’utente e/o proprietario; – indirizzo del fabbricato; – destinazione d’uso dei fabbricati coperti dall’impianto; – esecutore del progetto; – responsabile del controllo del progetto; – data del progetto.

OPERAZIONI PRELIMINARI
Da effettuarsi sempre prima di ogni operazione sull’impianto:
– Informare il personale di riferimento dell’utente (guardina, RSPP, ecc.) dell’inizio dell’attività;
– Disinserire gli allarmi acustici o le segnalazioni di allarme;
– Esporre il cartello “impianto in manutenzione”;
– Prima di effettuare qualsiasi manovra, effettuare la lettura e la registrazione di tutti i manometri, gli indicatori di livello e di posizionamento delle valvole.

CONTROLLI ESEGUITI DALL’UTENTE
Ogni settimana, l’utente:
– effettuerà la lettura della pressione;
– controllerà i livelli dell’acqua;
– controllerà le valvole;
– effettuerà una prova della campana;
– effettuerà una prova dell’avviamento della pompa;
– riavvierà il motore Diesel e lo terrà in funzione per almeno 20 minuti;
– controllerà gli impianti di riscaldamento.
Una volta al mese si occuperà di:
– verificare il livello di elettrolito;
– controllare le batterie.

CONTROLLI ESEGUITI DALL’INSTALLATORE (O DA AZIENDA QUALIFICATA)
L’installatore, o un’azienda qualificata, invece, si occuperà dell’assistenza e della manutenzione dello sprinkler. Di seguito, il programma.

CONTROLLO PERIODICO TRIMESTRALE
– Rivalutazione del livello di pericolo;
– Ispezione delle valvole;
– Ispezione degli sprinkler;
– Ispezione delle tubazioni e dei relativi sostegni;
– Ispezione delle alimentazioni idriche ed elettriche;
– Verifica del numero di sprinkler di ricambio disponibili.

CONTROLLO PERIODICO SEMESTRALE (SOLO PER IMPIANTI A SECCO)
– Ispezione delle valvole di allarme a secco;
– Verifica della efficienza delle dotazioni di scorta;
– Ispezione del collegamento di riporto allarmi con la stazione dei Vigili del Fuoco.

CONTROLLO PERIODICO ANNUALE (PROVA ALIMENTAZIONI)
– Prove della portata della pompa;
– Prove del mancato avviamento del motore;
– Prove sulle valvole a galleggiante;
– Prove sulle camere di aspirazione;
– Prove sui filtri per la pompa.

CONTROLLO PERIODICO TRIENNALE (VERIFICA E REVISIONE SERBATOI E VALVOLE)
– Prove e verifiche sui serbatoi, esternamente e internamente;
– Prove su tutte le valvole.

CONTROLLO PERIODICO DECENNALE (REVISIONE GENERALE)
– Interventi di pulizia;
– Interventi di impermeabilizzazione;
– Esame delle riserve idriche.

Autorizzato AiFOS

Affiliato MAIA

Certificato CEPAS

Vuoi essere informato delle ultime novità? Registrati alla nostra newsletter